Marocco senza veli

Diari di viaggio di un millennial europeo

UN LIBRO DI FLAVIO CIABATTONI


MAPPA DEL VIAGGIO

Mappa del Viaggio Marocco Tangier Tarifa Asilah Larache Lixus Fes Chefchaouen Meknes Moulay Idriss Voulubilis Azrou Erg Chebbi Todra Dades Gorges Tinghir Skoura Ouarzazate Agdz Tamnougalt Ait Ben Haddou Taroudant Taliouine Agadir Paradise Valley Sahara Essaouira Casablanca Marrakech

CAPITOLI

Capitoli marocco senza veli

IL MAROCCO, SENZA VELI

Marocco Senza Veli nasce come un diario di viaggio particolarmente descrittivo e realistico (a tal proposito i dialoghi sono stati lasciati in lingua originale - francese, inglese, spagnolo, italiano, con relative traduzioni a piè di pagina), per narrare la mia storia di ragazzo LGBT europeo che lascia il suo lavoro a Londra per viaggiare in Nord Africa e Medio Oriente, con l’idea di scoprire e conoscere la cultura berbera e arabo-musulmana e descriverle ai suoi coetanei europei. In profondità, i libri evolvono in un pellegrinaggio inverso, in cui l’Europa viene scoperta attraverso gli occhi delle persone conosciute durante il viaggio, provando a connettere tutti i fili della storia, dell’arte e della filosofia del Mediterraneo con lo scopo di arrivare al nocciolo delle radici culturali dell’Europa, vitali per capire il concetto di identità europea.

Questo perché i viaggi non sono mai di esplorazione, ma di riscoperta: delle nostre radici, della nostra cultura, della nostra storia. “L’altrove è uno specchio in negativo. Il viaggiatore riconosce il poco che è suo, scoprendo il molto che non ha avuto e non avrà.” Marco Polo disse a Kublai Khan, nel mondo perlato della fantasia di Italo Calvino. Infatti sento che più viaggio per il mondo, più sono in grado di apprezzare la mia Europa. E più mi innamoro della mia cultura, più riesco a vedere la bellezza nelle altre culture, perché sono in grado di tracciare i legami tra ciò che è mio e ciò che è loro. E ciò che è mio, molto probabilmente era loro in passato, e ciò che è loro, verosimilmente sarà mio in futuro. Molto spesso durante i miei viaggi ho avuto la conferma che essere europeo non è una caratteristica anagrafica ma un’ideale, una serie di valori, uno stile di vita, una mentalità. Europeo non è chi nasce europeo ma chi si sente europeo.

Infatti, ho imparato ad apprezzare l’Europa da quelle stesse persone che ho incontrato durante i miei viaggi; persone per cui ottenere un visto turistico Schengen è il sogno della vita, un sogno molte volte irrealizzabile. Un episodio durante i miei viaggi mi ha toccato particolarmente: fui ospitato da un ragazzo in Iran che aveva mappato tutti i suoi progetti di vita (laurea, patente, lavoro, etc) con una serie di post-it sul muro della sua camera. E come obiettivo ultimo c’era l’Europa; l’Europa era il sogno della sua vita. E da queste storie ed esperienze, le nuove generazioni di europei possono veramente capire l’infinito valore di vivere in uno dei posti più liberi, antichi, ricchi, privilegiati e culturalmente diversificato del mondo.

Ecco l'obiettivo di questa collana di libri: costruire e promuovere il concetto di cultura e identità Europea nelle nuove generazioni del nostro continente e incoraggiare lo scambio e il dialogo interculturale con gli stati dall’altra sponda del Mediterraneo.